Contratto: trattativa si arena su salario. 20 aprile sciopero!

Contratto: trattativa si arena su salario. 20 aprile sciopero!

Tutto come previsto nell’incontro di oggi tra i segretari generali di Fiom, Fim e Uilm e i presidenti di Federmeccanica e Assistal sul rinnovo del contratto dei metalmeccanici: le imprese hanno confermato la loro proposta che di fatto esclude aumenti ”monetari” di salario per tutti, concentrando i miglioramenti per i lavoratori su assistenza formazione e previdenza, e i sindacati l’hanno respinta come inaccettabile proclamando uno sciopero di 4 ore per il 20 aprile. La ”fermezza” di Federmeccanica ha di fatto ricompattato i sindacati che tornano a protestare insieme dopo oltre 8 anni (gennaio del 2008) pur senza abbandonare il tavolo e confermando l’intenzione di proseguire il negoziato. Il presidente della Federmeccanica, Fabio Storchi, ha sottolineato che il sistema attuale ”non è più sostenibile nè per le imprese, nè per gli addetti” e che un rinnovamento del modello è necessario. In pratica le imprese sostengono che a fronte della deflazione l’incremento salariale dovrebbe essere pari a zero. C’è però disponibilità a dare incrementi retributivi ai lavoratori con i salari più bassi (minimi di garanzia) e a distribuire ricchezza, una volta prodotta, potenziando la retribuzione variabile. Inoltre la proposta introduce aumenti per la previdenza integrativa, la formazione e l’assistenza integrativa. Nel complesso, secondo la Federmeccanica, il pacchetto, compresi i 42 euro di aumenti già corrisposti nel precedente contratto in più rispetto all’inflazione reale che si è prodotta e i 18 euro netti per il salario variabile, varrebbe per il lavoratore 125 euro al mese. La cifra di Federmeccanica è contestata dai sindacati che ritengono inaccettabile la chiusura di un contratto senza aumenti monetari.

Leggi l’InfoContrattoN14

Leggi il volantino Fim-Fiom-Uilm su Federmeccanica