La cultura della sostenibilità sia impulso di sviluppo, crescita, di potenziamento e innovazione delle relazioni sindacali.

La cultura della sostenibilità sia  impulso di sviluppo, crescita, di potenziamento e innovazione delle relazioni sindacali.

Comunicato stampa

Dichiarazione del Segretario Regionale Fim Cisl Umbria Simone Liti e del Coordinatore Area Sindacale Territoriale Cisl Terni – Orvieto Angelo Manzotti

Ast Terni, a Roma presentato il primo bilancio di sostenibilità.  Per la Fim  e la Cisl: “Ora nuovi obiettivi per innovare le relazioni sindacali”.

È stato presentato questa mattina il primo bilancio di sostenibilità di Ast TERNI. Questo rappresenta un altro tassello importante nella costruzione di più solide relazioni sindacali. L’appuntamento odierno arriva dopo il piano industriale, l’accordo sull’integrativo e la sottoscrizione del protocollo “Sas” in prefettura a Terni. Anche in quest’ultima occasione le organizzazioni sindacali sono state protagoniste anche grazie alla richiesta di un bilancio di sostenibilità.

Come Fim e Cisl quindi non possiamo che essere soddisfatti per quanto illustrato oggi a Roma da Ast: si tratta di un impegno che va in un’ottica di valorizzazione del territorio (di quella realtà dove opera l’azienda), che dà rinnovato impulso alla tanto auspicata economia circolare e quindi alla sostenibilità ambientale, incidendo in questo modo anche nel tessuto economico e sociale. Quello di questa mattina, dunque, può essere un importante passo per rilanciare l’occupazione che, affiancato con buone pratiche di formazione, può anche creare l’opportunità per nuovi profili professionali.

La  prospettiva, con questo nuovo atto, deve rafforzare ancora di più il concetto di strategicità del sito siderurgico di Ast TERNI, dove la cultura della sostenibilità ambientale e sociale deve essere impulso di sviluppo e crescita. Traguardi possibili solo attraverso il continuo e costruttivo potenziamento e l’innovazione delle relazioni sindacali.

 

Roma, 8 luglio 2019

fim8lug19