Comunicato Stampa: Dichiarazione del Segretario Fim Cisl Umbria Simone Liti

Comunicato Stampa: Dichiarazione del Segretario Fim Cisl Umbria Simone Liti

Nel momento più inedito e delicato della nostra storia ogni decisione deve essere condivisa specie quando riguarda il lavoro e le prospettive future di tante famiglie.

L’obiettivo è stato raggiunto in pieno: uscire dalle fabbriche per far sentire la voce dei tanti lavoratori metalmeccanici della nostra provincia, la buona riuscita arriva anche in un periodo in cui molta gente  ha fatto  un lungo periodo di cassa integrazione e con l’incertezza ancora alta, ma i lavoratori metalmeccanici vogliono  il rinnovo del Contratto Nazionale.

Il rinnovo del CCNL è elemento di garanzia, di tutele, di distribuzione economica e di prospettiva, la situazione economica post-Covid  non può essere un alibi per non rinnovare il Contratto dei Metalmeccanici che si propone di valorizzare e meglio promuovere il lavoro per i prossimi anni di ripresa economica e occupazionale. Ora è il momento che la trattativa riparta!

Dal 2004 prima grande crisi Ast, la perdita delle produzioni del magnetico, 2008 la grande crisi economica la situazione della provincia di Terni continua ad essere in spirale senza fine,sul fronte del lavoro. I colpi dalla crisi  non sono ancora stati assorbiti  e le vecchie crisi si aggiungono alle nuove che per certi indicatori economici danno nuovi segni strutturalità e di conseguenza fragilità del lavoro. Per questo il nostro territorio sta vivendo questa fase storica nel peggiore  dei modi che ben presto da crisi occupazionale si passerà a una crisi economica cittadina.

E’ di certo il momento più inedito e delicato della nostra storia, come Paese e come Regione e come Territorio proprio per questo, qualunque decisione deve essere condivisa, pensata e non penalizzante, specie quando riguarda il lavoro e le prospettive future di tante famiglie.

Come sempre in queste situazioni, le vittime designate sono i lavoratori e le loro famiglie. Se la chiusura di una grande azienda è una sconfitta per tutti, differenti però sono le conseguenze tra imprenditore/multinazionale e lavoratori. Soprattutto la rabbia cresce quando ci si sente inascoltati da parte della politica che ha nel suo scopo principale l’essere al servizio dei cittadini, dando risposte concrete ai loro bisogni e RISPOSTE CONCRETE VANNO DATE NEL MOMENTO DI DIFFICOLTA’ AI LAVORATORI CHE CON I LORO SACRIFICI LA LORO PERSEVERANZA NELLA LOTTA E NEL DIFENDERE IL PROPRIO POSTO DI LAVORO RAPPRESENTANO L’ITALIA MIGLIORE!!!

Come Fim Cisl  sosteniamo con forza i colleghi della TREOFAN nelle loro iniziative dopo che l’azienda ha presentato un piano di chiusura che è “irricevibile” , in un momento tanto delicato per il nostro Paese e per l’intera economia territoriale. La solidarietà di tutta la Fim Cisl è piena pronti a partecipare alle iniziative che vorranno mettere in campo a sostegno della loro vertenza.

A loro va il nostro pensiero e l’auspicio che dal confronto possa emergere una soluzione diversa

L’incertezza è di nuovo il leitmotiv nei lavoratori delle Acciaierie Ternane, ogni dieci anni la vertenza di Acciai Speciali Terni si presenta… questa volta ha anticipato! Abbiamo iniziato un confronto sul piano di transizione che ci porterà verso scenari nuovi e diversi della Thyssenkrupp. Il negoziato è tutto in salita c’è bisogno che la dirigenza sia meno rigida sulle posizioni per evitare una “fase di pericoloso stallo” che rischia di generare una totale incertezza in migliaia di lavoratori e cittadini. Come Fim Cisl vorremmo ricordare all’attuale dirigenza quanti sacrifici i lavoratori delle Acciaierie hanno fatto e stanno facendo sia in termini occupazionali che in termini salariali frutto questo  delle  cattive gestioni della casa madre tedesca Thyssenkrupp, pertanto anche in questo giro non si  possono continuare scaricare su tutti i lavoratori diretti e dell’indotto, siano essi operai che impiegati che quadri che somministrati tagli o costi troppo cari da pagare!

Ci auguriamo che la particolarità dei tempi e la consapevolezza del valore di una presenza come AST che da sempre fa ed è riferimento alla città e il valore che rappresenta tutta l’industria la manifattura sia  ancora valutata da tutti motore trainante  e sia presa in giusta considerazione da tutti i soggetti deputati, altrimenti questa volta un ulteriore colpo rappresenterebbe un cedimento non più risanabile sia sotto il profilo occupazionale sia sotto il profilo  dell’economia, un’ulteriore ferita che rischierebbe di rimanere aperta come le altre.

Terni, 06 novembre 2020

 Il Segretario Fim Cisl Umbria  Simone Liti